Tour moto offroad in Sardegna, gruppo Cianci e Su2ruote.bike
Il gruppo si appresta ad affrontare i monti del Gennargentu
Quando: 
Marzo 2017
Durata: 
4 giorni
Località Toccate: 
Orgosolo, Barbagia, Sardegna, Supramonte, Gennargentu

In questa storia raccontiamo le avventure del numeroso gruppo "Su2Ruote.bike e Cianci Moto" in visita in Sardegna a marzo 2017 per un piacevole e panoramico tour in moto offroad favorito anche da un bellissimo tempo primaverile che ha portato le temperature del centro Sardegna tra i 15 ed i 20 gradi.

Giorno 1: ambientamento e tour "dei panorami"

Il primo giorno di Enduro in Sardegna del gruppo ha lo scopo di far conoscere il terreno ai ragazzi in maniera tale da prendere confidenza con le moto e con i sentieri e gli sterrati della Barbagia.

Si inizia il giovedì pomeriggio di una settimana di metà marzo in un clima perfetto, temperature miti e cielo tersissimo fanno apprezzare la bellezza della Barbagia e del territorio di Orgosolo.

I nostri amici arrivati ad Orgosolo a fine mattinata dall'aeroporto di Cagliari (mentre le moto sono arrivate in nave grazie al servizio transfer offerto da Su2Ruote.bike) hanno giusto il tempo di mangiare qualcosa nel bellissimo agriturismo alle porte del paese barbaricino e siamo subito sulle moto.

Iniziamo a conoscere e testare il terreno asciutto della Sardegna
Iniziamo a conoscere e testare il terreno asciutto della Sardegna

Una volta superato il centro abitato ci immettiamo subito su sterrato (senza mai incontrare asfalto sino al momento di ritorno) e procediamo lungo diversi sterratoni e sentieri che ci fanno salire sino alla cresta del monte "Osposidda" che domina sul paese di Orgosolo e su mezza Barbagia.

Vista del paese di Orgosolo dal monte Osposidda
Vista del paese di Orgosolo dal monte Osposidda

Percorriamo tutta la cresta del monte con una vista spettacolare su entrambi i lati e scendiamo verso il basso giungendo dopo pochi chilometri a valle, ed affrontiamo un guado prima della risalita verso una delle porte di accesso del Supramonte di Orgosolo.

Il guado prima della risalita verso la porta di accesso del Supramonte
Il guado prima della risalita verso la porta di accesso del Supramonte

Iniziamo a salire, salire.. salire... sino a "S'iscala e S'arenarju", una delle porte di accesso al Supramonte sul lato nord dove l'altissima parete calcarea concede pochi passaggi.

Una volta in cima la vista è mozzafiato, e grazie alla giornata limpida riusciamo a vedere anche il mare del golfo di Orosei e mezza Sardegna.

Il punto panoramico con vista su mezza Sardegna
Il punto panoramico con vista su mezza Sardegna

Dopo qualche minuto di relax ci rimettiamo in marcia per tornare verso la nostra base, il paese di Orgosolo.

Spettacolare passaggio con vista sul paese di Orgosolo
Spettacolare passaggio con vista sul paese di Orgosolo

Una volta giunti in paese prendiamo un aperitivo (a base di birra Ichnusa) prima della cena tipica consumata in agriturismo.

Aperitivo dopo il tour del Giovedì
Aperitivo dopo il tour del Giovedì

Giorno 2: tour del Lago e dei guadi

Il venerdì mattina partiamo di buon mattino per la nostra seconda giornata di Enduro nel cuore della Sardegna.

Dopo il consueto riscaldamento affrontiamo sentieri e sterratoni per circa 15 chilometri sin quando risaliamo alla vetta di "Cucuru e' pazza" dove è d'obbligo fare una pausa per godere del panorama spettacolare sulla Barbagia e sul Gennargentu.

Roberto e Pier in posa, sullo sfondo si vede mezza Sardegna e la città di Nuoro
Roberto e Pier in posa, sullo sfondo si vede mezza Sardegna e la città di Nuoro

Il nostro tour attraverso la natura incontaminata della Sardegna centrale prosegue sino al lago artificiale dove approfittiamo del bellissimo panorama per fare una pausa.

Un attimo di pausa sulle larghe rive del lago
Un attimo di pausa sulle larghe rive del lago

Ci rimettiamo in marcia ed affrontiamo un lungo e tecnico sentiero sottobosco con curve strette e radici il quale ci porta a valle sino al fiume Cedrino.

Sentiero sottobosco tecnico ed insidioso
Sentiero sottobosco tecnico ed insidioso

Una volta scesi a valle percorriamo l'alveo del fiume per circa un chilometro, dopodiché lo abbandoniamo e prendiamo la strada che ci porta verso Orgosolo per la meritata pausa pranzo.

Una volta arrivati ad Orgosolo un bel panino caldo con fettina o salsiccia locale ed una bella birra Ichnusa fresca ci fanno riprendere energie.

Percorriamo l'alveo del fiume per circa un chilometro
Percorriamo l'alveo del fiume per circa un chilometro

Dopo la pausa pranzo ci rimettiamo subito in marcia e percorriamo alcuni sentieri "Single Track" ed alcuni passaggi tecnici su pietre che accelerano la nostra digestione.

Passaggio tecnico su pietre
Passaggio tecnico su pietre

Il nostro tour prosegue lungo i chilometri e chilometri di strade e sentieri sterrati nel territorio di Orgosolo, i quali ogni tanto offrono panorami spettacolari.

Uno scorcio del territorio di Orgosolo
Uno scorcio del territorio di Orgosolo

Affrontiamo guadi, passaggi tecnici, ripide salite e finalmente sul tardo pomeriggio dopo aver percorso quasi 100 chilometri torniamo al paese di Orgosolo, stanchi ma soddisfatti della giornata.

Doccia e relax in agriturismo prima della cena (rigorosamente tipica e poco dietetica) in agriturismo.

Uno dei guadi affrontati nel pomeriggio
Uno dei guadi affrontati nel pomeriggio

Giorno 3: Gennargentu e Supramonte

Il terzo giorno è sicuramente il più impegnativo ma probabilmente il più bello e suggestivo. Il nostro giro ad anello tocca il massiccio montuoso del Gennargentu per poi ripiegare verso il Supramonte dopo la pausa pranzo.

Partenza tour enduro Sardegna venerdì
Pariamo belli carichi in un'altra giornata bellissima

Dopo alcuni chilometri giungiamo in zona "Pradu", altopiano con altitudine di circa 100 metri s.l.m.

Passaggio sul ciglio del laghetto in zona Pradu
Passaggio sul ciglio del laghetto in zona Pradu

Ci addentriamo nel territorio impervio e selvaggio avvicinandoci al massiccio del gennargentu, salendo di quota sino al punto con altitudine massima di circa 1400 metri s.l.m.

Risalita verso il massiccio del Gennargentu
Risalita verso il massiccio del Gennargentu

Una volta giunti sulla cresta della montagna non ci sono più strade e sterratoni ma solo sentieri stretti che da scorrevoli e lisci diventano tecnici ed insidiosi.

Dalla cima della montagna a circa 1400 metri s.l.m. scendiamo a valle ripiegando verso il Supramonte, ed "affrontiamo" i letto di diversi torrenti di montagna e diversi sentieri con profondi canali solcati e scavati dalle recenti piogge.

Guado di un torrente in montagna
Guado di un torrente in montagna

Avvicinandoci alla sorgente dove faremo la pausa pranzo godiamo di un bellissimo panorama con i tacchi calcarei di Monte Novo San Giovanni e Monte Fumai di fronte a noi.

I tacchi calcarei del Supramonte, Monte Novo San Giovanni e Monte Fumai
I tacchi calcarei del Supramonte, Monte Novo San Giovanni e Monte Fumai

Dopo tanta fatica facciamo pausa pranzo alla sorgente naturale di "Funtana Bona" dove sgorga acqua fresca ed abbondante durante tutto l'anno.

Pausa pranzo alla sorgente "Funtana Bona"
Pausa pranzo alla sorgente "Funtana Bona"

Dopo la pausa pranzo ci rimettiamo in marcia per visitare il Supramonte.

Pochi chilometri di marcia tra sterrati e sentieri e giungiamo subito ad uno degli elementi caratterizzanti del Supramonte, "Su Pinnetti". E' l'antico ovile e rifugio dei pastori sardi che erano costretti a stare giorni e giorni lontani dalle loro case per accudire il bestiame.

Il "Pinnetti" denominato "Sos Sios" nel Supramonte di Orgosolo
Il "Pinnetti" denominato "Sos Sios" nel Supramonte di Orgosolo

Il nostro cammino nel cuore della Sardegna più incontaminata prosegue anche superando diversi ostacoli naturali costituiti da piante ed alberi caduti a causa delle straordinarie ed abbondanti nevicate di Gennaio 2017 le quali hanno devastato il patrimonio boschivo della Sardegna.

Ma non ci facciamo spaventare ed affrontiamo tutti gli ostacoli con decisione.

Enorme albero caduto a causa delle nevicate nel Supramonte
Enorme albero caduto a causa delle nevicate nel Supramonte

Dopo aver visitato le meraviglie del Supramonte, la nostra strada (ancora lunga) continua verso il paese di Orgosolo.
Scendiamo prima in zona "Fundales" per poi affrontare diversi guadi e chilometri di sentieri sino al rientro in paese che avviene a fine pomeriggio.

Vista panoramica sulla zona "Fundales"
Vista panoramica sulla zona "Fundales"

Giorno 4: passeggiata tranquilla

Il quarto giorno di tour (domenica) si gira solo la mattina, il percorso di giornata è tranquillo e divertente e prevede diversi guadi e qualche passaggio tecnico.

I nostri amici hanno ormai preso confidenza con il terreno sardo ed affrontano i guadi su una ruota...

Guado in monoruota su moto da enduro
Guado in monoruota

Il giro prosegue tranquillo con vari momenti di pausa e relax all'ombra dei boschi di lecci.

Un attimo di pausa all'ombra del bosco di lecci
Un attimo di pausa all'ombra del bosco di lecci

Affrontiamo diversi passaggi impegnativi e guadi sull'alveo del torrente (che prima era una strada) e torniamo verso il paese per concludere il tour.

Passaggio enduro su torrente
La strada è diventata un torrente, ma per noi non è un problema

Sono stati 4 bellissimi giorni all'insegna dell'enduro e del divertimento, dei panorami e del buon cibo. A presto!

Il gruppo enduristi "Su2ruote.bike - Cianci Moto "
Il gruppo enduristi "Su2ruote.bike - Cianci Moto "

Itinerari Enduro

Un Itinerario Enduro è un giro o comunque una escursione da affrontare in una giornata o anche meno, in base alla tipologia ed alla bravura dei componenti del gruppo.

Le nostre proposte di itinerario possono essere combinate tra di loro per comporre un Tour di vari giorni; abbiamo indicato solo alcuni (i più suggestivi) dei tantissimi itinerari che si possono affrontare nel nostro territorio. Per vedere tutti i nostri Itinerari accedi alla pagina Itinerari Enduro Sardegna, per qualsiasi informazione contattaci.

Tour Enduro in Sardegna, fiume Hard Extreme
Difficoltà: Alta
Itinerario Enduro Tour Sardegna: anello Orgosolo Oliena
Difficoltà: Medio-Facile
Percorso Enduro in Sardegna, dalla Barbagia all'Ogliastra
Difficoltà: Medio-Facile

Vuoi ricevere offerte e info su nuovi tour in anteprima?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le offerte speciali

Pacchetti e Tour Enduro

Tour Weekend con moto da Enduro in Sardegna
Difficoltà: Medio-Facile
Tour 3 giorni Hard Enduro in Barbagia Sardegna
Difficoltà: Medio-Alta
Tour della Barbagia Enduro in Sardegna ad Orgosolo
Difficoltà: Medio-Facile